Pas les fleurs mais les roses – Inédit pour une passante

Pas les fleurs mais les roses
je veux compter les roses
les roses rouge
dé memoire violettes
dur et rouge

avec la bouche
jaune
éternellement fermé

les roses blanche
vierges et blanche
clair comme la mort 
blanches comme l’attente

pas les fleurs moi je veux compter
les roses
nos roses

celles de tes mains
celles qui coulent de ton sexe
qui envahissent
la parole

la rose de mon esprit
la rose de la victoire
la rose seulement la rose

qui ne sont pas les roses
pétales et parfume de roses.

TRADUZIONE della Lirica Non i fiori ma le rose 

Sponsored Post Learn from the experts: Create a successful blog with our brand new courseThe WordPress.com Blog

WordPress.com is excited to announce our newest offering: a course just for beginning bloggers where you’ll learn everything you need to know about blogging from the most trusted experts in the industry. We have helped millions of blogs get up and running, we know what works, and we want you to to know everything we know. This course provides all the fundamental skills and inspiration you need to get your blog started, an interactive community forum, and content updated annually.

NUOVA COPERTINA INEDITO PER UNA PASSANTE E NUOVA IMPAGINAZIONE TESTO

Inedito per una passante nuova edizione nuova copertina

NUOVA COPERTINA DEL LIBRO DIPINTO COPERTINA A CURA DE I CAMALIONI E NUOVA IMPAGINAZIONE PROFESSIONALE DEL TESTO.

NOTA DELL’AUTRICE ALLA NUOVA EDIZIONE

Questa ri-edizione di Inedito per una passante si arricchisce di una sezione di nuove liriche, inediti, dedicate a mia nonna e a Franca Rame. Il testo pubblicato in passato con la Manni Editori è stato rivisto e rivisitato con una maturità diversa e maggiore consapevolezza. Un atto di eliminazione e diminuzione per lasciare infine gli scritti quanto mai più veri e puliti. Per questo sono state tolte alcune poesie e cancellate le dediche presenti nella prima pubblicazione. In quanto queste frutto di una coscienza poetica e personale immatura dettata dalla passione giovanile. Ho cercato quindi di correggere quelli che ritengo errori di percorso, umani e in ambito personale e letterario.
In ambito umano e letterario il confronto e la relazione con la Signora Rame mi hanno portato ad una crescita. Non mi riconosco più nella prima scrittura di questo libro, nell’eccesso di fiducia sprovveduta chiusasi poi in dediche. Né mi riconosco tantomeno in ambienti letterari frequentati in buona fede, ma colmi di immoralità, invidia e prevaricazione da cui oggi mi tengo ben lontana. Questa nuova edizione quindi segna decisamente un passaggio più maturo della mia persona e della mia scrittura. In cui la scrittura è divenuta nei libri successivi più immediata ed asciutta. Ho liberato quindi la mia anima e la mia poesia in questa nuova e definitiva pubblicazione. Aggiornando anche la copertina che è un’opera de I Camalioni. Un laboratorio sperimentale di attività creative che si trova a Bisceglie in Puglia composto da persone che hanno vissuto l’esperienza manicomiale. Con I Camalioni la collaborazione è iniziata nel 2014 e prosegue da allora fino ad oggi, con i loro dipinti che continuano ad arricchire e accompagnare i miei libri.
Questo lavoro inoltre sarà legato anche a un cortometraggio. Di cui attualmente disponibile in rete il Promo dedicato alle due figure, alle due donne più importanti della mia vita: Franca Rame e Lina, mia nonna. A entrambe, al loro cuore lasciato in questo passaggio. Io dedico questo nuovo lavoro.

Dale Zaccaria